La vita si aggiusta da sola

Un paio di mesi fa ero a Bruxelles per assistere ad una “lezione” del Dalai Lama. Dopo tanti tentativi falliti in India e in giro per il mondo, finalmente ci sono riuscita. Vedere il Dalai Lama dal vivo diventa ogni volta più difficile, per via delle pressioni della Cina affinché sempre più paesi gli neghino il visto (come è successo ad esempio in Sud Africa e Taiwan).

FullSizeRender (2).jpg
Bruxelles, 11 settembre 2016

Durante la sua lezione, alcune parole mi sono rimaste particolarmente impresse. Il senso era “inutile preoccuparsi e proiettarsi sul futuro, su cui non abbiamo alcun potere. Bisogna vivere il presente, perché la vita si aggiusta da sola” o almeno questa è la traduzione che ho voluto dargli io. Queste parole si inserivano nel più ampio concetto buddista (e non solo) di mindfulness: consapevolezza, esserci ora. Non è facile descriverlo a parole, ma tra le possibili definizioni c’è quella di prestare attenzione, in un modo particolare: con intenzione, al momento presente, in modo non giudicante. Le parole del Dalai Lama mi hanno tanto fatto riflettere in questi mesi: io che sono sempre così tesa verso il futuro da farmi sfuggire il presente. A Vientiane avevo fatto grossi progressi e poi tornare in Europa mi ha fatto regredire totalmente in questo senso.  Continua a leggere

Partire, crescere e piangere: pensieri confusi

66331_10152199749805576_1731771255_n.jpg

Quest’anno segna un traguardo nella mia vita da expat. Da quando ho iniziato l’università, e quindi da quando mi reputo “mentalmente indipendente” (economicamente lo sono da molto meno), ho ufficialmente passato più anni all’estero che in Italia.

Partire per me è stato fin dall’inizio merito (o colpa?) della mia famiglia. Ho un padre che a 18 anni ha mollato tutto ed è salpato alla scoperta del mondo, lasciando a casa due genitori in pena, in tempi in cui Skype o Whatsapp non esistevano e riuscire a telefonarsi una volta al mese era già un big deal. Dopo vari giri è approdato in Asia e lì è rimasto, insegnandomi così che è molto più interessante girare per le campagne di Hanoi che starsene a casa a guardare la televisione.  Continua a leggere