Ancora una volta

1275789_10153367995580576_964645417_o.jpg
Bruxelles, UN Day 2014

Ancora una volta, come a Parigi, provo il vuoto dentro e la profonda tristezza di un’Europa attaccata, casa mia. Non solo perché Bruxelles è stata effettivamente la mia casa per un po’, ma perché è il cuore debole di un’Europa debole.

1618530_10153805387785576_584969695_n
Il mio ex-ufficio, alla fermata della metro di Maelbeek.

Ancora una volta provo il disgusto verso un mondo che si improvvisa esperto massimo di relazioni internazionali, strategia militare e geopolitica e vomita tutto il suo odio sugli altri, spesso senza alcun fondamento storico o scientifico, alimentando la paura e non facendo che gettare benzina sul fuoco.

E ancora una volta io preferisco starmene in religioso silenzio ed evitare congetture inutili: un sacco di sterili blablabla di cui siamo inondati da mesi e in cui letteralmente affoghiamo da ieri.

Ancora una volta vedo l’isteria collettiva prendere piede e immagino la soddisfazione dei terroristi, proporzionalmente grande al delirio che causano, ben più potente del numero delle vittime. Ieri mattina hanno evacuato l’aeroporto qui a Tolosa per un pacco sospetto, facendo addirittura scendere i passeggeri dall’aereo in procinto di partire. Da mesi ogni angolo ci ricorda il rischio di terrorismo, ci guardiamo tutti intorno con aria sospetta e dobbiamo aprire la borsa quando andiamo al supermercato.

Bordeaux 2016

12637082_10156461988865576_1688324826_o.jpg
Bordeaux 2016

Ancora una volta sto male per tutti quei musulmani moderati che sentono il dovere di giustificarsi. Penso a quel piccolo profugo che ieri ha scritto: “Sorry for Brussels” e a tutte le conseguenze che questo evento avrà sui rifugiati, doppie vittime dei terroristi, che scappano da loro e si vedono le porte chiuse in faccia per colpa loro.

E ancora una volta è un giorno di grande tristezza, in cui più di prima abbiamo il dovere morale di ricordarci che le vittime del terrorismo sono sempre vittime innocenti, in tutto il mondo, e che ci sono angoli della Terra in cui l’orrore che stiamo vivendo in questi mesi è la realtà di ogni giorno.

56f16260c46188357d8b4595.jpg
Photo source: RT News

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...